. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

martedì 26 maggio 2009

REGALA CIO' CHE NON HAI

.
Occupati dei guai, dei problemi del tuo prossimo.
Prenditi a cuore gli affanni, le esigenze di chi ti sta vicino.
.
Regala agli altri la luce che non hai, la forza che non possiedi,
la speranza che senti vacillare in te, la fiducia di cui sei privo.
Illuminali dal tuo buio. Arricchiscili con la tua povertà.
.
Regala un sorriso quando tu hai voglia di piangere.
Produci serenità dalla tempesta che hai dentro.
"Ecco, quello che NON HO te lo dono". Questo è il tuo paradosso.
.
Ti accorgerai che la gioia a poco a poco entrerà in te,
invaderà il tuo essere, diventerà veramente tua nella misura
in cui l'avrai regalata agli altri.
.
Alessandro Manzoni

.

23 commenti:

Emi ha detto...

che bello rileggerti!!!
è proprio tutto vero...a volte la luce ci abbandona e così pure la speranza, ma in questi momenti lunghi o brevi della nostra vita non bisogna MAI perdere quel briciolo di forza che ci è rimasto per regalare agli altri ciò che in quel momento ci manca, e poi tutto torna indietro, solo bisogna resistere.
Dura è, ma ne vale la pena!!
a presto caro Maurizio

Alessandra ha detto...

ecco qui: uno dei miei abbracci!
Alessandra

stella ha detto...

Sei tornato...finalmente.
Se ci occupassimo del prossimo, non sentiremmo tanto i nostri malesseri.
Abbraccio grande.

Antonella ha detto...

Ben tornato maurizio. pensavo che avessi deciso per non stare più nel web, ma sai anch'io tante volte lo penso. Un bacio di ben tornato

Bruno ha detto...

ciao maurizio......
mi sembra che sia tutto il contrario adesso..... :-)

Mikim ha detto...

ciaoooo maurizio!! che bello rileggerti e che bella la poesia che hai scelto... non la conoscevo ancora.
un bacione

Veneris ha detto...

Sarà pure un paradosso ma è la verità.

lea ha detto...

Ciao Maurizio, è con gioia che ho il piacere di rileggerti, come al solito, mi stupisci con i tuoi pensieri e con le poesie che scegli. Stavolta mi hai colpito ancor di più anche perchè è proprio con lo spirito descritta nella poesia del Manzoni che mi appresto a svolgere il mio lavoro in questi giorni presso il campo di San Gregorio a L'Aquila. Le mie risorse economiche famigliari non mi permettono per fortuna di elargire somme, ed è per questo che appunto, così come ci hanno insegnato a fare in Croce Rossa, dono quello che è nella mia possibilità "un pò di sollievo e di serenità, accollandomi la paura e le preoccupazioni di chi in questo momento mi sta chiedendo aiuto", se poi lo desiderano, mi basta una stretta di mano, un sorriso e il ricambiare un abbraccio. Quanta bellissima gente ho incontrato in queste settimane, la loro dignità e il loro coraggio rinvigoriscono le energie che a volte tendono ad abbandonarci.
Non scappare di nuovo, io sarò via solo pochi giorni, spero di ritrovarti quì in rete...a presto!!!

Nadia ha detto...

Ciao Mauriiiiii
ho conosciuto Anna... non ti sono fischiate le orecchie? ;-)
bacione

Angelo azzurro ha detto...

Bentornato! Hai scelto un pezzo che ha il sapore di grande positività per il rientro in grande stile. Mi piace anche la musica che apre il blog:bella, bella, bella!
Ciao!!

Nikka ha detto...

Ciao
bentornato ... ci sei mancato :-)

Aglaia ha detto...

bentornato,adesso ti donerai di nuovo a noi?:-)

zahxara ha detto...

"Regala un sorriso quando tu hai voglia di piangere.
Produci serenità dalla tempesta che hai dentro....."
Que hermosura Maurizio!
Grazie per aver condiviso una cosa così bella.

Un abrazo muy muy fuerte..........

Maria Chiara ha detto...

Ohhhhh, finalmente ti si rvede! Mi ero quasi preoccupata, pensavo che avessi mandato tutto al quel paese...!
che bello questo pensiero di Manzoni, non lo conoscevo!
cioa ciao!!!!

frufrupina ha detto...

Che bella perla di saggezza....bravo Maurizio,serena serata.

Anonimo ha detto...

Un nuovo inizio
quello che NON HO te lo dono..
questo è il mio paradosso.
Un bel Sogno che diventi realtà.
Sognatrice

pasticcino ha detto...

Ciao Maurizio,
bentornato davvero!
voglio dedicarti questo mio post:
"Se stringi nel pugno la sabbia del deserto
non riuscirai a trattenerla.
Se lasci aperta la tua mano,
la tua mano si riempirà di sabbia."
(Proverbio arabo)

un abbraccio dal cuore e
vieni a trovarmi che mi fa piacere!
ciaooooooooo

Renata ha detto...

Hola Maurizio ! que pasa ? todo bien? vedo una nuova veste, bellissima e noto a margine una frase significativa. Cercare noi stessi negli altri è un ottomo allenamento al confronto, alla condivisione ed è un magnifico invito a mediare.
Bella anche la musica, parla di allegria, ma lo fa dolcemente e pare che inviti soprattutto alla serenità (che è più dolce dell'allegria) Buona nanna, amigo!

lella ha detto...

Ciao Maurizio
sono veramente felice di rileggerti.
Quanto tempo mi hai fatto attendere le tue meravigliose riflessioni........
Mi sei mancato tanto
Non fare + skerzi!
bacio
Lella

Marco Ranno ha detto...

Ciao Maurizio!
Purtroppo sono stato a lungo lontano dalla cyber-vita!
Ho tralasciato il mio blog ma anche quelli degli amici...
Mi piace moltissimo la nuova veste grafica che hai dato al tuo!
Ci sentiamo dai... Ciaooo!

Anonimo ha detto...

Bellissima e soprattutto verissima...ciao, e complimenti per la nuova veste

Diana ha detto...

Si, ci vuole forza ad aiutare gli altri, quando forza non hai, ma pur vacillando, la speranza, seppur poca regaliamola. Questo è il solo modo di aiutare gli altri e se stessi.

Pino ha detto...

Un bentornato anche da parte mia.
Non conoscevo questa poesia e penso che la trascriverò, perchè in un certo senso mi appartiene.