. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

lunedì 25 ottobre 2010

RIVOLUZIONE STATICA

Non è che volessi cambiare look al blog….. ma è successo tutto così velocemente….. senza lasciarmi il tempo di prenderne coscienza.
Il Signor Blogger aveva deciso che per il mio codice html non ci poteva essere futuro, e dopo la banalissima aggiunta di un nuovo elemento grafico, ha permesso che si sballasse definitivamente e irrimediabilmente, imponendomi una rivoluzione estetica.
Che poi mica è stata proprio una rivoluzione…. insomma alla fine i colori, gli abbinamenti, l’aspetto generale non sono cambiati.
Un po’ come nella vita…. sembra che ti costringa a cambiare chissà cosa, ma alla fine ti ritrovi sempre faccia a faccia con te stesso, quello di sempre… e che palle!!!
Troppo profonda sta riflessione, non ero più abituato a tanta PROFONDEZZA….

13 commenti:

Angelo azzurro ha detto...

Ho capito: la routine sta stretta anche a te. Vabbè, che vuoi fare? La vita è anche questo, semplice, ordinario tran-tran. Rassegnamoci...per oggi!

lella ha detto...

l'importante è esserci,con o senza modifiche,che tra l'altro non noto,ma sei qui.
Questo è ciò che conta
un abbraccio
Lella

Pippi ha detto...

ciao Maurizio ben ritrovato a te!! :-) a presto!
Pippi

Maria Chiara ha detto...

una certa PROFONDITUDINE però ti ha sempre caratterizzato, no??? :-)
finalmente leggo qualcosa che viene da te!
grazie!

Alessandra ha detto...

è sempre il tuo blog.
sei tu.

:)
Ale

Aglaia ha detto...

nella risalita mi raccomando,compensa bene, certe profonditudini sono pericolose se risalite velocemente!:)))

Blindsight ha detto...

vero.. per questo è meglio cambiare dentro, evolversi, rinnovarsi ecc. ecc. quanto ci circonda o vediamo (..anzi, vedete) non è niente senza noi stessi (non è il cervello che elabora le immagini? si, a me è successo questo: ho rotto il mio cervello e non vedo più.. quanto c'è di inutile da vedere).
perché forse la visione vera è quella del sentire: la grafica di un blog non la si sente, tre lo assicuro, ma sento però che scalpiti per una cosa nuova dentro te.. sai noi dentro siamo tutti al buio, è lì che devi cercarti secondo me.
so stata troppo profondiaria?? ciao laura

lamagagiò ha detto...

Ciao...anche tu ci sei di nuovo. Non è strano?
P.S.: è così bella un pò di "PROFONDEZZA"!

Giovanni Greco ha detto...

Beh cambiare ogni tanto non fa male...

MAURIZIO ha detto...

* Angelo Azzurro: non è la routine che mi stà stretta. Ora sono IO che mi sto stretto.

* Lella: potrei chiederti la cortesia di ripetermelo più spesso? Ho bisogno di gratificazione in questo periodo. :)
Un abbraccio a te

* Pippi: scusa la latitanza. Cercherò di recuperare.

* Maria Chiara: la profondezza e la profonditudine sono concetti apparentemente identici, ma sostanzialmente differenti. Comunque auspicabili

MAURIZIO ha detto...

* Alessandra: si, più o meno sono io :)

* Aglaia: quello è il cacchio di problema....

* Blindsight: Laura, la tua profondezza non è una novità per me. Un abbraccio

* Lamagagiò: ebbene si, ci sono

* Giovanni Greco: in effetti lo diceva anche la Littizzetto

la stanza in fondo agli occhi ha detto...

Dai, mettiamola così, il nuovo e non voluto look del blog è molto minimal e quindi in definitiva trendy

Un saluto!

MAURIZIO ha detto...

* La stanza in fondo agli occhi: non aspettavo altro che sentirmi trendy. :-) A presto