. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

domenica 1 novembre 2009

SUL CORAGGIO....


Senza voler togliere nulla a quel genere di coraggio che porta alcuni uomini a morire, non dobbiamo dimenticare quegli atti di coraggio grazie ai quali gli uomini vivono; il coraggio della vita quotidiana è spesso uno spettacolo meno grandioso del coraggio di un atto definitivo, ma resta pur sempre una miscela magnifica di trionfo e di tragedia...

Un uomo fa il suo dovere, a dispetto delle conseguenze personali, nonostante gli ostacoli, i pericoli e le pressioni, e questo è il fondamento della moralità umana; in qualsiasi sfera dell'esistenza un uomo può essere costretto al coraggio, quali che siano i sacrifici che affronta seguendo la proprio coscienza: la perdita dei suoi amici, della sua posizione, delle sue fortune e persino la perdita della stima delle persone che gli sono care.

Ogni uomo deve decidere da sé qual'è la via giusta da seguire; le storie che si raccontano sul coraggio degli altri ci insegnano molte cose, possono offrirci una speranza, possono farci da modello, ma non possono sostituire il nostro coraggio... per quello ogni uomo deve guardare nella propria anima...

John Fitzgerald Kennedy

.

15 commenti:

Pippi ha detto...

bello..... :-)

notte

Pippi

Jane (Pancrazia) Cole ha detto...

Molto bello

Baol ha detto...

E' bellissima questa considerazione.

Credo che il coraggio di ogni giorno sia molto più difficile da trovare, come diceva Pirandello: "E' molto più facile essere eroi che galantuomini perchè eroe devi esserlo un giorno solo, galantuomo tutta la vita"

ciao Maurì ;)

stella ha detto...

Da dove nasce il coraggio?

Da dentro, con la convinzione della Fede...

Maria Chiara ha detto...

mi dà una certa consolazione sapere che dalla'ltra aprte del mare c'è un uomo che condivide queste parole e che è considerato "l'uomo più potente del mondo".

Vania e Paolo ha detto...

Interessante post...
oggi in una società che sembra aperta a tutto...pronta ad affrontare qualsiasi situazione... siamo invece dei grossi codardi...
il coraggio è uno stato d'animo che serve ogni giorno...in qualsiasi campo... lavorativo...famigliare...di amicizia...per poter "vivere"...e affrontare le durezze e gli scogli...di una vita non sempre facile.
Tanto di coraggio a tutti Noi...che sempre abbiamo bisogno di essere , di conquistare, di affrontare un nuovo giorno.
Bravo Maurizio.
Ciao Vania

lasettimaonda ha detto...

Ciao Maurizio, condivido ogni lettera di questo pensiero.
Il problema è che molto spesso il coraggio non viene capito, si confonde l'eroismo col coraggio, senza rendesi conto che intorno a noi ci sono diverse persone che vivono con grande coraggio, pur senza commetere atti di eroismo.
Ascoltare, ascoltare ed osservare ciò che ci circonda.....si scoprono dettagli di vite che sono esempi di fulgido coraggio e ci spronano ad essere migliori.
Un saluto!Syl

MAURIZIO ha detto...

* Pippi: e l'invito?

* Jane Pancrazia: sopravvissuta a Venezia?

* Baol: galantuomini.... già. Ammettere di poter prendere grandi scivoloni e riuscire a non prendersi mai troppo sul serio... per me è già qualcosa... Dopo c'è sempre un'occasione per mostrare un pò di coraggio (la codardia è di chi non ha il coraggio di guardarsi in faccia per ciò che è realmente).

* Maria Chiara: dovrebbe consolare in effetti...

* Vania: speriamo...

* Lasettimaonda: Syl, molte persone lavorano "dietro le quinte", in tutto, per una vita...

Pippi ha detto...

l'invito?.... ;-)
:-))))

JANAS ha detto...

il grande coraggio di essere se stessi, ..essere secondo la propria coscienza,senza assecondare le aspettative di altri per il bisogno di conferme e senso di accettazione...questo si è il più grande atto di coraggio!
Fin dalla nascita, viviamo con il terrore di non essere accettati completamente se ci mostriamo interamente per quello che siamo...
così tutti viviamo un mondo di "finzioni" ...consapevoli che anche gli altri non si mostrano mai liberamente e hanno il timore a loro volta di non essere accettati da noi!
Così ci conformiamo a regole morali e di società che non ci appartengono e/o ci stanno strette...
non nascono da qui tutte le più grandi psicosi?
e pensare che tutto potrebbe essere risolto con un atto di coraggio...

la stanza in fondo agli occhi ha detto...

Sì, in effetti la vita di tutti i giorni è spesso la prova più dura

MAURIZIO ha detto...

* JANAS: molti fanno i moralisti, molti fanno i "santoni", molti semplicemente si accontentano di riempirsi e riempire gli altri di "parole", nascondendosi dietro false "trasgressioni". Sarebbe sufficiente semplicemente "vivere". Darebbe un senso a tutto.
Un abbraccio

* la stanza in fondo agli occhi: ben trovata. La vita di ogni giorno è quella di cui dispiniamo ora, in questa vita, e che ci serve a costruire l'eternità.
A presto

la signora in rosso ha detto...

il tuo post mi ha fatto riflettere, spesso intorno a me ci sono persone che affrontano la loro vita con coraggio, sono eroi silenziosi che non si aspettano nessun ringraziamento,percepisci lo sforzo che fanno solo da piccoli dettagli.

Anemone Viola ha detto...

Il coraggio della vita quotidiana, gran bella cosa. Un lavoro che si fa piano piano ed in silenzio, ma a volte è così difficile che non lo immaginiamo nemmeno.

MAURIZIO ha detto...

* La signora in rosso: si, ce ne sono... e spesso non si vedono...

* Anemone Viola: Giulia, ben ritrovata...