. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

mercoledì 11 giugno 2008

SONO PRONTO!
.


Hai mai avuto la sensazione che è venuto il momento di fermarti?.... fare il punto della situazione, raccogliere tutto ciò che ti porti dentro (o almeno tentare di farlo), mettere tutto davanti a te stesso, sul tavolo virtuale che ti sta davanti, e cominciare a mettere un pò d'ordine? Eliminare il superfluo, recuperare ciò che avevi dimenticato, mettere in ordine il nuovo ed il vecchio che ti può servire, e.... ripartire?
Beh ora è il momento..... sono pronto!!

12 commenti:

Anonimo ha detto...

Bene Falco,
allora io ti auguro un buon viaggio!
Alek

Anonimo ha detto...

Bene Falco,
allora io ti auguro un buon viaggio!
Alek

Anonimo ha detto...

Ciao Maurizio,
questi io li chiamo "piccole illuminazioni", momenti di grande chiarezza, dove l'ordine che riusciamo a fare viene spontaneo e
facile da fare, e dove, quello che scartiamo per fare ordine, lo abbandoniamo senza problemi...sfruttalo finchè c'è,questo momento,sai comunque che anche quando ti abbandona lo puoi sempre ritrovare...
Grazie per le tue riflessioni che condividi con noi
Alek

Laura ha detto...

Bravo Maurizio, sicuramente questo è un bel atto di coraggio!! Non è da tutti avere la capacità di mettere in discussione, di punto in bianco, se stessi e ciò che ci circonda!
Io l'ho fatto 2 volte nella mia vita in conseguenza ad un forte dolore e credo che ciò dipenda dal fatto, che solo quando provi un grosso dispiacere nella vita ti accorgi veramente di essere vivo ed è lì che si spalancano gli occhi!
Ovviamente spero che non sia il tuo caso, magari il tuo rimescolare le carte in tavola è sintomo solo di una messa in discussione della propria esistenza a prescindere da tutto e da tutti ...
E allora vai Maurizio e buona fortuna!!!

Con affetto
Laura

Laura ha detto...

Bravo Maurizio, sicuramente questo è un bel atto di coraggio!! Non è da tutti avere la capacità di mettere in discussione, di punto in bianco, se stessi e ciò che ci circonda!
Io l'ho fatto 2 volte nella mia vita in conseguenza ad un forte dolore e credo che ciò dipenda dal fatto, che solo quando provi un grosso dispiacere nella vita ti accorgi veramente di essere vivo ed è lì che si spalancano gli occhi!
Ovviamente spero che non sia il tuo caso, magari il tuo rimescolare le carte in tavola è sintomo solo di una messa in discussione della propria esistenza a prescindere da tutto e da tutti ...
E allora vai Maurizio e buona fortuna!!!

Con affetto
Laura

Maria Chiara ha detto...

Mi è capitato. L'ho fatto e l'ultima volta ci sono state conseguenze eclatanti nella mia vita: dieci giorni dopo aver chiuso con uno, ho rivisto Marco (mio marito) dopo la prima volta che ci eravamo visti e conosciuti, 8 mesi prima.
Un mese e mezzo dopo, il 12.06.2004 (4 anni fa esatti!) ci siamo fidanzati e ora...

In fondo anche gli agricoltori potano la pianta perchè porti più frutto, no?
Buon lavoro! :-)

Maurizio ha detto...

Alek, non so se siano momenti di illuminazione, ma sono certo che sono momenti indispensabili e fisiologici: è come quando sei in mare, pensi di non farcela più.... ma proprio allora il tuo istinto di sopravvivenza ti impone di vincere qualsiasi forza fisica, e persino la tua stanchezza.... e recuperi una forza insperata.... cominci a coordinare i movimenti e, finalmente, sei a riva, stanco ma... vivo.
Laura, qualsiasi "elettroshock" che ci riserva la vita può darci lo scossone decisivo, ma, grazie a Dio, possiamo imparare col tempo a "darci uno scossone" ancor prima di toccare il fondo.... e, tra l'altro, devo dirti che a me fa bene condividere qui con voi anche questo scossone, non solo, ma leggere "la vita" raccontata di persone come voi, mi aiuta a riflettere e a cercare di "capire" maggiormente ciò che sono, e ciò che realmente desidero, ma anche ciò che possiedo....
Maria Chiara, anche a me è capitato di arrivare alle "svolte" decisive della mia vita, arrabbiato e deciso, ma anche un pò confuso, ma pian piano, mi sono accorto del "buono" che avevo ricevuto, anche dopo un cambiamento apparentemente doloroso. Hai ragione, bisogna saper potare a tempo debito, conservando sempre le "buone radici" della nostra pianta....

Un caro saluto a tutti voi...

Anonimo ha detto...

MA SE SEI UN DISORDINATO NATOOOO MANCO IL TUO STUDIO SISTEMI... TI CI MANCA IL TAVOLO VIRTUALE :d :d
AHAHAHAHAHA

Mirtilla ha detto...

buona vita ;)

Sergio ha detto...

Ciao Maurizio, proprio in questi ultimi mesi mi trovo nella tua stessa situazione..sto cercando anch'io di capire il da farsi per il mio futuro e non ti nego di essere molto confuso..c'è paura di sbagliare ma se non si prova non si potrà mai sapere come sarebbe andata..un grande abbraccio

Maurizio ha detto...

Mirtilla: grazie del passaggio ;-).

Sergio: ne usciremo... l'importante è metterci buona volontà, e, quando ci vuole, prendersi anche un pò meno sul serio, io sto cercando di farlo. Un abbraccio.

S E R E N A ha detto...

Beh certo che mi è capitato...a volte nella vita bisogna fermarsi un secondo e capire...capire se quello che si sta facendo è giusto, capire se dove si sta andando è la direzione giusta...