. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

domenica 3 agosto 2008

LO SFOGO DEL PRIMATE....
.

Nel web ogni parola, ogni “espressione”, assume un aspetto simile a quello che si ha passando una lente d’ingrandimento su un qualsiasi oggetto, e, in base all’angolazione della lente, ma anche in base alle capacità visive di chi osserva, uno stesso oggetto può assumere le forme più disparate. Dove voglio arrivare…. Non viaggio da molto tempo tra blogs e diari virtuali vari, sono relativamente “giovane” rispetto a questa esperienza mediatica, ma mi sono già reso conto che di “saccenti” ce ne sono tanti, e, probabilmente, anch’io per molti rientro in questa categoria.
Eh si perché mi è capitato di notare, in giro per il web, che di fronte a qualsiasi argomento, dalle “narrazioni interiori” più profonde di un essere umano, alla web-cronaca di qualsiasi evento di attualità o di gossip, o di qualsiasi altro accidente di “fatto del giorno”, o, ancor più semplicemente, di fronte all’espressione di se stessi, di ciò che ci viene ispirato leggendo un blog, molto spesso c’è un gradevole scambio di opinioni e esperienze di vita, ma a volte si scatenano caterve di disquisizioni; filosofi e intellettuali afferrano le armi della retorica o impugnano a spada tratta la loro lungimirante visione delle cose e delle persone, per avvalorare l’idea che di fronte al gotha dell’umanità (di cui loro fanno parte a pieno titolo) tutto il resto è semplice letame.
Chiedo scusa a tutti voi che più o meno mi conoscete per lo sfogo…. Vorrei dire solo a “qualcuno” che non penso di essermi mai “intrufolato” nella realtà, seppure virtuale di nessuno, e ciò che scrivo, nel bene o nel male, è ciò che sono, o, meglio, l’espressione di ciò che vedo in me stesso e negli altri… punto.
A voi che vi fermate a leggere le mie riflessioni, per voi che avete accettato (bontà vostra) di scambiare le vostre sensazioni con me, e mi avete permesso di passarvi le mie, voglio chiedere scusa se, di fronte ad altri “posti virtuali” in cui troverete sicuramente il massimo dell’espressività dell’animo umano, qui da me dovrete accontentarvi di un “misero” primate, che spesso non riesce ad esprimersi se non con arcaici segni e mugugni….

7 commenti:

Elsa ha detto...

grazie per aver compreso...
Elsa

Elsa ha detto...

ho notato che non sto più fra i tuoi link...

Maurizio ha detto...

* Elsa: mi chiedo..... cosa c'è da comprendere? Non mi piace essere dipinto per ciò che non sono, soprattutto se chi lo fa non mi conosce appieno... cmq.. rispetto gli spazi altrui, virtuali o reali che siano, per questo accetto il tuo invito a restare fuori...

Elsa ha detto...

mi spiace che tu abbia frainteso...dopo alcuni argomenti...mi riferisco al mio post...non si può parlare di sensualità.
Ci vuole solo un po' di tatto...solo questo...se mi hai letto bene avrai compreso chi sono.
Non lascio fuori nessuno...io.
Sarebbe come privare il mare del vento.

Elsa ha detto...

mi spiace che tu abbia frainteso...dopo alcuni argomenti...mi riferisco al mio post...non si può parlare di sensualità.
Ci vuole solo un po' di tatto...solo questo...se mi hai letto bene avrai compreso chi sono.
Non lascio fuori nessuno...io.
Sarebbe come privare il mare del vento.

Maria Chiara ha detto...

...piacere, primate Maria Chiara!

:-))))

Stammi bene!

Maurizio ha detto...

* Elsa: non era difficile capire che il mio commento era completamente "astratto" rispetto al contesto dei tuoi ultimi post... ma va bene così... ti chiedo scusa per la mancanza di tatto.

* Maria Chiara: grazie della solidarietà di razza :-)