. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

venerdì 1 agosto 2008

LA STORIA DELLE COSE
.


Vi consiglio di guardare questo video, e farne vostro il senso....
Annie Leonard è un'esperta internazionale di sostenibilità ambientale e problemi di salute, che annovera più di 20 anni di esperienza in studi e analisi dei processi produttivi legati a fabbriche e discariche di tutto il mondo.
Coordina gruppi di lavoro collegati a imprese finanziatrici di “produzione e consumo sostenibili”. Da diversi anni è impegnata in un’azione di “comunicazione” e “informazione” globale circa l'impatto del “consumismo” sull’economia e la salute dell’intero pianeta, finalizzata a sensibilizzare le autorità e i singoli individui su tutto ciò che è legato alla “sostenibilità ambientale” ed alla salute (sfruttamento lavorativo, assistenza sanitaria, etc.).
Durante gli anni ‘90, Annie ha dedicato gran parte della sua attività a analizzare e documentare l’esportazione di rifiuti prodotti dagli Stati Uniti e dall’Europa, nei paesi asiatici e si è battuta per produrre documenti ufficiali che testimoniassero e allo stesso tempo impedissero il traffico di rifiuti dagli Stati Uniti al cosiddetto Terzo Mondo.
Il progetto più recente di Annie, è "La Storia delle Cose” (titolo originale “The Story of Stuff”); in questo progetto Annie esplora i processi che sono alla base dell’economia globale e il loro impatto sull'ambiente, sulle condizioni di vita e sulla salute dell’uomo e della Terra.

Che cosa è quindi “la storia delle cose”?

E’ la descrizione di cosa c’è dietro ad ogni singolo oggetto che tutti noi “consumiamo” o “possediamo”, dall’estrazione delle materie prime, alla produzione, quindi alla vendita, e, infine, all’uso ed allo smaltimento. La maggior parte di questo processo, sfugge alla maggior parte di noi, che ci limitiamo a “consumarlo”, ignorando tutto ciò che il resto della “catena” può provocare a lungo o medio termine sull’economia mondiale e sulla salute umana e del pianeta.
La durata di questo video è di circa 20 minuti, ma vale la pena di guardarlo. Una piccola riflessione su quello che vedremo, potrebbe cambiare il nostro atteggiamento quotidiano nei confronti del concetto di “possedere” o “acquistare”. Non è un atto moralistico, ma solo un modo come un altro per guardare al di là di ciò che ci viene giornalmente propinato in modo più o meno tangibile dai mass media e dalla stessa società in cui viviamo, e che tutti noi alimentiamo ogni giorno…

10 commenti:

nonsoloattimi ha detto...

Ciao Maurizio... per ora sono passsata a ringraziarti per il tuo commento... ripasserò a leggerti con più calma... un saluto
Claudia

Maurizio ha detto...

Ti aspetto. Grazie per essere qui.

Elsa ha detto...

ciao.........mi sono letteralmente persa girando fra i tuoi scritti....
hai cuore...

Maria Chiara ha detto...

Video interessante, dottore...
E' un capo che interessa parecchio sia me che mio marito. Nel nostro piccolo, cerchimao di riciclare, andare a piedi e/o coi mezzi pubblici, utilizzare lampadine a basso consumo energetico, ecc...e certamete è una micro-goccia nel mare, ma ce la mettiamo tutta.
Certamente ci dovrà essere una svolta anceh nei piani alti...
Speriamo che presto si rinsavisca e ci si tiri su le maniche x prendersi cura del nostro pianeta...

grazie degli spunti,
a presto

Maurizio ha detto...

* Elsa: anche queste tue parole sono un regalo... grazie.
Un abbraccio

* Maria Chiara: nessuno di noi può nascondersi dietro la frase "non si può cambiare" o "non si può tornare indietro". Giorno per giorno, ammettendo i nostri piccoli errori, possiamo migliorarci; piccoli gesti, nel quotidiano, che pian piano ci porteranno a sbagliare meno. Per i "grandi cambiamenti", si vedrà...Io nel mio piccolo ci provo.... e spero di riuscire a cogliere ogni spunto che mi verrà dato per migliorarmi. Sono certo che molti altri la pensano come noi.
A presto

Elsa ha detto...

i miei complimenti per la scelta musicale...sul serio.
ti ringrazio per le tue orme sul mio blog...una con passo alquanto felpato...non poteva che essere cosi.Grazie
Per i corsi e ricorsi storici...sai mentre realizzavo il posto, sorridevo silente, se questo è sarcamo...ben venga il tuo apprezzamento. mil besos
Elsa

Elsa ha detto...

pss ....post no posto!
ti lascio un sorriso silente ma sincero.

Maurizio ha detto...

* Elsa: apprezzo i tuoi complimenti, ma mi fa piacere ancora di più questo "feeling" sottile... il tuo sorriso silente, ma sincero... non poteva essere altrimenti....
bacio

Laura ha detto...

Ciao Maurizio, passo fugacemente di qua solo per salutarti, vado in ferie ... torno a fine agosto! BELLA VITA EH!
Vista l'ora nn ce la faccio a vedere il video di questo post, mi cala la palpebra ma sono curiosa e quindi mi im pegnerò a farlo subito dopo il mio rientro!!!

Un abbraccio

Maurizio ha detto...

* Laura: grazie del tuo passaggio, anche veloce, e del pensiero prima delle tue ferie. Goditele, insieme a chi ti ama. E tona vincitrice sullo stress e la stanchezza. :-)

Un abbraccio grande anche a te.